GEL DI SEMI DI LINO (GSL) – con foto-tutorial

INGREDIENTI:

  • 40 gr di semi di lino
  • 250 gr di acqua

 

STRUMENTI:

  • pentolino
  • colino a maglie medio-larghe
  • ciotola
13529264_1435644946461247_6883447290918184561_n
I semi di lino (biologici) li compro in erboristeria, 3€ per 500 gr, ma potete trovarli anche al supermercato
13494957_1435645229794552_5642985299784180144_n
le maglie del colino non devono essere strette altrimenti non riuscirete a filtrare il gel, e neanche troppo larghe altrimenti passeranno anche i semini

 

 

 

 

 

 

 

PROCEDIMENTO:

  • mettete gli ingredienti in un pentolino, e lasciate bollire a fuoco medio. Da quando inizia a bollire contate dai 5 ai 10 minuti, a seconda della densità che preferite;

13501877_1435645119794563_5158174983701996472_n

 

  • Più si lascia bollire più il gel risulterà denso. Vi rendete conto di dover spegnere quando l’acqua è diventata densa e le bolle grandi, così:

13532953_1435645193127889_2408765449518172867_n

 

  • Se non siete sicure della consistenza giusta, vi potete aiutare con un cucchiaino, l’acqua scenderà densa e “bavosa” (scusate, è il termine che lo descrive meglio :P):

13501877_1435644979794577_8199493225152508636_n

 

  • A questo punto spegnete il fuoco e filtrate il gel

13466358_1435645056461236_293944873721068847_n

 

  • Se le maglie del colino sono della misura giusta, il gel scenderà senza difficoltà. Lasciando bollire 5-7 minuti, il gel verrà di una densità media. La consistenza è viscida, non proprio piacevole al tatto, ma è normale non vi preoccupate

13439200_1435644756461266_9160878925292476797_n13466287_1435645026461239_8218345428470058916_n

 

Una volta finito il filtraggio, i semi saranno così: come potete vedere sono ancora ricchi di gel. Siccome non ci piace lo spreco, potete riusare questi semi. Li rimettete nel pentolino insieme all’acqua (questa volta 100 gr, non 250) e ripetete il procedimento da capo.
Altrimenti potete sciacquare i semi, asciugarli ed usarli nelle insalate, nello yogurt o nell’impasto del pane.

gel di semi di lino gsl

 

A questo punto potete usare il gel a vostro piacimento

1. Come STYLING

E’ molto amato come prodotto di styling in quanto dona definizione, lucentezza e morbidezza.
L’effetto è simile a quello della spuma, ma a differenza di quest’ultima il risultato è molto naturale, non appiccica e secca i capelli, ma fa bene idratandoli.
Potrebbe dare l’effetto “croccante”, “capello bagnato” se preparato molto denso e/o applicato sui capelli tamponati. Se volete scongiurare questo effetto, fate il gel di una consistenza più liquida e applicatelo sui capelli grondanti di acqua.

Il gsl per lo styling potete utilizzarlo puro oppure potete arricchirlo con altri ingredienti come miele, succo di limone, glicerina, oli essenziali…
Miele e/o glicerina per idratare ⇒ vi suggerisco di non eccedere con le dosi: di miele ne basterà un cucchiaino, di glicerina una punta di cucchiaino (ricordiamo che va utilizzata in una percentuale pari al 3-5%).
Succo di limone per lucidare ⇒ anche in questo caso basta un cucchiaino.
Oli essenziali per profumare ⇒ qualche goccina basta, gli oe vanno utilizzati sempre con parsimonia.

2.  Come IMPACCO

Anche in questo caso potete usarlo puro come impacco idratante o arricchito con altri ingredienti nutrienti (oli, burri) e/o idratanti (miele).

Pre o post shampoo? Distinguiamo 2 casi:

  • se usato come impacco idratante, da solo o insieme ad altri ingredienti idratanti (miele), può essere fatto post-shampoo o pre-shampoo;
  • se usato come impacco completo nutriente e idratante, quindi arricchito  anche con oli e/o burri, va fatto necessariamente pre-shampoo.

Il gsl si può conservare in freezer nelle formine per il ghiaccio, oppure si può aggiungere (una volta freddo) 0,6 gr di Cosgard per 100 gr di gel. Tuttavia nonostante il conservante, difficilmente il gel si conserva a lungo. Il nostro consiglio è quello di congelarlo in monodosi e scongelarlo all’occorrenza.

Se non avete un colino adatto, potete usare un collant o un tulle da bomboniera, nel quale metterete i semi e butterete nell’acqua e procederete.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *