SLS e SLES

Stanno ad indicare rispettivamente Sodium Lauryl Sulfate e Sodium Laureth sulfate .
Sono dei tensioattivi, sostanze cioè in grado di ridurre la capacità di una particella di unto o sporco di rimanere adesa ad una superficie. I tensioattivi sono dunque quelle sostanze che consentono ad un prodotto di essere detergente e schiumogeno.
In passato sono stati abbondantemente demonizzati, in quanto circolava una sorta di catena di sant’antonio che sosteneva fossero sostanze cancerogene e tossiche. La realtà è molto diversa.
Lo Sles (o IL sles) è un tensioattivo abbastanza biodegradabile e neanche troppo aggressivo; alcuni studi hanno evidenziato che se in formula insieme allo Sles è presente una Betaina (es. cocamidopropyl betaine) che è un tensioattivo di origine vegetale, l’aggressività dello Sles è ulteriormente smorzata. Perchè dunque il biodizionario riporta lo Sles come giallo? perchè contiene molecole di derivazione petrolifera.
L’Sls, invece, sul biodizionario è verde. Tuttavia bisognerebbe stargli alla larga più dello Sles, e non per la sua composizione chimica o perchè sia tossico, ma perchè è un tensioattivo estremamente aggressivo. Benchè verde rientra infatti tra le sostanze irritanti e potenzialmente allergizzanti, non direttamente ma indirettamente: la capacità detergente e schiumogena di questa sostanza è tale da rimuovere non solo lo sporco, ma anche il sebo e le sostanze depositate sull’epidermide che fungono da protezione. In questo modo l’epidermide è dunque privata della sua barriera protettiva e diviene maggiormente esposta all’azione dannosa ed allergizzante di profumi, coloranti, conservanti e Co. Da questo scaturiscono quindi reazioni allergiche, dermatiti e via discorrendo.
Lo sles è meno aggressivo, tuttavia questo discorso vale in parte anche per lui, specie se si trova in formula con l’ sls.
Essendo tensioattivi, si ritrovano spesso nelle prime posizioni nella formula di uno shampoo. Sarebbe buona norma adoperare tale prodotto diluito, in modo da ridurne un pò l’aggressività. La loro struttura chimica affine sia all’acqua che ai lipidi, consente loro di trovare largo impiego anche in altri prodotti cosmetici.
Tenete sempre d’occhio l’Inci Emoticon smile

Grazie a Cecilia Ciampanella per aver contribuito.

tensioattivi delicati

 

 

 

Questa è una lista di tensioattivi considerati delicati.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *